Via Crucis – Settimana Santa 2024

VIA CRUCIS nell’anno quindicesimo della Comunità Pastorale.

1° Stazione – Gesù è condannato a morte

Lett. Biblica

25E tutto il popolo rispose: «Il suo sangue ricada su di noi e sui nostri figli».26Allora rimise in libertà per loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò perché fosse crocifisso. (Mt 27, 25-26)

Meditazione

Quante volte anche noi, nel nostro piccolo, condanniamo a morte il Signore, dimenticandoci che, come battezzati, come Chiesa, siamo tutti figli di Dio chiamati a vivere nella verità e nella continua ricerca del suo volto. Preghiamo, in questa stazione, perché la nostra Chiesa sappia sempre far brillare il volto di Dio.

Intercessioni

Lett. Rispondiamo insieme: ascoltaci, Signore.

  1. Perché la nostra Chiesa sappia sempre essere fedele alla sua missione, ti preghiamo.
  2. Per ciascuno di noi, perché siamo sempre attratti dalla ricerca del volto di Dio, ti preghiamo.
  3. Perché impariamo a prenderci le nostre responsabilità nella vita ecclesiale, ti preghiamo.

S: Abbi pietà di noi, Signore!
T: Abbi pietà di noi!

S: Chiusa in un dolore atroce, eri là sotto la croce, dolce Madre di Gesù.
T: Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuor

2° Stazione – Gesù è caricato della croce

Lett. Biblica

16aAllora lo consegnò loro perché fosse crocifisso. 16bEssi presero Gesù 17ed egli, portando la croce, si avviò verso il luogo detto del Cranio, in ebraico Gòlgota, 18dove lo crocifissero e con lui altri due, uno da una parte e uno dall’altra, e Gesù in mezzo.19Pilato compose anche l’iscrizione e la fece porre sulla croce; vi era scritto: «Gesù il Nazareno, il re dei Giudei». (Gv 19, 16-17)

Meditazione

Anche noi, come Chiesa, siamo impegnati, di fronte a Dio e di fronte all’uomo, a portare le nostre croci. Le croci di oggi sono molteplici: non siamo più Chiesa che conta, non abbiamo più rilevanza sociale come in un recente passato, siamo al fianco di tutti i piccoli e gli umili della storia in maniera più forte e più convinta ma, spesso, nell’insignificanza dei nostri interventi. Preghiamo, in questa stazione, per essere convinti della croce che dobbiamo portare.

Intercessioni

Lett. Preghiamo insieme e diciamo: aiutaci a portare la croce con te.

  1. Quando vorremmo cercare il successo e la facile presenza nella società…
  2. Quando vorremmo essere solo con i vincenti della storia…
  3. Quando facciamo fatica ad essere al servizio del povero, dell’umile, dell’indifeso…

S: Abbi pietà di noi, Signore!
T: Abbi pietà di noi!

S: Il tuo cuore desolato fu in quell’ora trapassato dallo strazio più crudel.
T: Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

3° Stazione – La prima caduta

Lett. Biblica

7Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì la sua bocca; era come agnello condotto al macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori, e non aprì la sua bocca. 8Con oppressione e ingiusta sentenza fu tolto di mezzo; chi si affligge per la sua posterità? Sì, fu eliminato dalla terra dei viventi, per la colpa del mio popolo fu percosso a morte. (Is 53, 6-12)

Meditazione

Quante volte anche noi cadiamo! Anzitutto sotto il peso dei nostri peccati. Non solo come persone singole, ma anche come comunità, come Chiesa. Signore, donaci sempre la forza di rialzarci ogni volta che cadiamo sotto il peso dei nostri peccati comunitari.

Intercessioni

Lett. Preghiamo insieme e diciamo: salvaci Signore!

  1. Preghiamo per noi, perché sappiamo sempre vedere il peccato comunitario che commettiamo, ti preghiamo.
  2. Per la nostra Chiesa, perché sappia rialzarsi dalle sue cadute, ti preghiamo.
  3. Per la nostra comunità pastorale, perché sappia anche imparare dagli errori commessi in questi anni, ti preghiamo.

S: Abbi pietà di noi, Signore!
T: Abbi pietà di noi!

S: Quanto triste, quanto affranta ti sentivi, o Madre santa, del divino Salvator.
T: Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

4° Stazione – Gesù incontra sua Madre

Lett. Biblica

Voi tutti che passate per la via, considerate e osservate se c’è un dolore simile al mio dolore, al dolore che ora mi tormenta, e con cui il Signore mi ha afflitta nel giorno della sua ira ardente. (Lam 1, 12)

Meditazione

La Chiesa, tutta la Chiesa ed anche la nostra comunità pastorale, ha una Madre che, dal cielo, la guida, la protegge, la previene: Maria. Preghiamo, in questa stazione, perché Maria Madre della Chiesa insegni a tutti noi come vivere relazioni forti ed incisive, per dare testimonianza della bellezza del Vangelo di suo Figlio.

Intercessioni

Lett. Preghiamo insieme e diciamo: per intercessione di Maria, ascoltaci!

  1. Perché Maria guidi sempre la nostra comunità, ti preghiamo.
  2. Perché il rosario della Beata Vergine Maria sia sempre luce tra le nostre preghiere, ti preghiamo
  3. Perché la devozione mariana trovi posto nel cuore dei giovani, ti preghiamo.

S: Abbi pietà di noi, Signore!
T: Abbi pietà di noi!

S: Con che spasimo piangevi, mentre trepida vedevi il tuo Figlio nel dolor.
T: Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

5° Stazione – Gesù incontra Simone di Cirene

Lett. Biblica

32Mentre uscivano, incontrarono un uomo di Cirene, chiamato Simone, e lo costrinsero a portare la sua croce. (Mt 27, 32)

Meditazione

In ogni comunità cristiana sono presenti dei cirenei, uomini e donne del Vangelo che, animati dalla fede, sanno farsi carico gli uni dei pesi degli altri. Preghiamo, in questa stazione, perché anche noi sappiamo essere veri cirenei per i nostri fratelli.

Intercessioni

Lett. Preghiamo insieme e diciamo: donaci la gioia del servizio.

  1. Perché tutti noi impariamo ad essere servitori della nostra comunità, ti preghiamo.
  2. Perché sappiamo vedere i molti bisogni di chi ci sta intorno, preghiamo.
  3. Perché impariamo a vedere la Chiesa come una Madre che ha anche bisogno di cure, ti preghiamo

S: Abbi pietà di noi, Signore!
T: Abbi pietà di noi!

S: Se ti fossi stato accanto forse che non avrei pianto, o Madonna, anch’io con te?
T: Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

6° Stazione – La Veronica asciuga il volto di Gesù

Lett. Biblica

3Disprezzato e reietto dagli uomini, uomo dei dolori che ben conosce il patire, come uno davanti al quale ci si copre la faccia; era disprezzato e non ne avevamo alcuna stima. (Is 53, 3)

Meditazione

Da sempre, il volto della Chiesa è volto di donna. Vogliamo pregare, in questa stazione, per le numerose donne della nostra comunità cristiana. Per chi lavora per essa e per chi ne fa solo parte. Per chi diffonde gioia e carità e per chi rimane anonimo, tra le molte presenze della Chiesa. Per chi è solo e soffre la sua solitudine e per chi ama essere in mezzo al popolo di Dio. Preghiamo, in questa stazione, per tutte le donne.

Intercessioni

Lett. Preghiamo insieme e diciamo: ascoltaci, Signore.

  1. Per tutte le donne della nostra comunità, perché diffondano gioia e pace, ti preghiamo.
  2. Per tutte le donne sole, perché sentano il conforto della fede, ti preghiamo.
  3. Per tutte le donne che sono state esempio ed hanno edificato la nostra comunità, perché possiamo averne grata memoria, ti preghiamo.

S: Abbi pietà di noi, Signore!
T: Abbi pietà di noi!

S: Dopo averti contemplata col tuo Figlio addolorata, quanta pena sento in cuor!
T: Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

7° Stazione – Gesù cade la seconda volta

Lett. Biblica

25 La mia vita è incollata alla polvere: fammi vivere secondo la tua parola. (Sl 119, 25)

Meditazione

Tra le cadute che riguardano la nostra comunità c’è ancora una forma di campanilismo. Non tutti e non sempre abbiamo ancora capito che il Signore ci chiede di lavorare senza soste per l’unità. Chiediamo, in questa stazione della Via Crucis, la forza per rimuovere ogni ostacolo sulla via che porta ad una vera unione tra tutte le chiese sorelle di questa città.

Intercessioni

Lett. Preghiamo insieme e diciamo: dona alla tua Chiesa pace ed unità.

  1. Preghiamo perché sappiamo sempre più essere uniti tra noi, ti preghiamo.
  2. Preghiamo perché la nostra unione non sia solo superficiale, ma sempre più reale, ti preghiamo.
  3. Preghiamo perché sappiamo cogliere gli spunti per l’unità che tu ci doni, ti preghiamo.

S: Abbi pietà di noi, Signore!
T: Abbi pietà di noi!

S: Santa Vergine, hai contato tutti i colpi del peccato nelle piaghe di Gesù.
T: Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

8° Stazione – Gesù incontra le pie donne

Lett. Biblica

7Lo seguiva una grande moltitudine di popolo e di donne, che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. 28Ma Gesù, voltandosi verso di loro, disse: «Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli. (Lc 23, 27-28)

Meditazione

Anche noi, nella nostra comunità, vediamo giovani sempre più lontani dalla fede, incapaci di un vero incontro con Cristo, dimentichi dell’incontro con la Chiesa che pure hanno fatto. Preghiamo, in questa stazione, perché questi nostri fratelli si possano sentire amati da Cristo e da Lui cercati.

Intercessioni

Lett. Diciamo insieme: converti il nostro cuore, Signore.

  1. Per tutti i giovani lontani dalla fede, ti preghiamo.
  2. Perché la nostra comunità sia sempre accogliente ed in grado di cercare gli smarriti, ti preghiamo.
  3. Perché tutti i giovani possano avvertire la bellezza della fede, ti preghiamo.

S: Abbi pietà di noi, Signore!
T: Abbi pietà di noi!

S: E vedesti il tuo Figliuolo così afflitto, così solo, dare l’ultimo respir.
T: Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

9° Stazione – Gesù cade la terza volta

Lett. Biblica

Egli, pur essendo nella condizione di Dio, non ritenne un privilegio l’essere come Dio, 7ma svuotò se stesso assumendo una condizione di servo, diventando simile agli uomini. Dall’aspetto riconosciuto come uomo, 8umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e a una morte di croce. 9Per questo Dio lo esaltò e gli donò il nome che è al di sopra di ogni nome. (Fil 2, 6-9)

Meditazione

Sotto il peso di queste cadute vogliamo vedere anche tutti i credenti che perdono la fede. Vogliamo pensare anche noi a quanti, in comunità, non hanno più ripreso la via della fede dopo il covid, oppure a tutti i genitori indecisi e incerti che non seguono i ragazzi nella formazione di fede, o a tutti i giovani che, nonostante una formazione seria ed intensa, hanno abbandonato Cristo. Preghiamo per loro, anime per le quali il Signore cade sotto il peso della croce.

Intercessioni

Lett. Preghiamo insieme e diciamo: abbi pietà di noi.

  1. Per tutti coloro che hanno perso la fede, ti preghiamo.
  2. Per tutte le famiglie che non vivono momenti di fede e non permettono l’incontro con il Signore, noi ti preghiamo.
  3. Per tutti i giovani che non hanno più fiducia in Cristo o nella Chiesa, ti preghiamo.

S: Abbi pietà di noi, Signore!
T: Abbi pietà di noi!

S: Dolce Madre dell’amore, fa’ che il grande tuo dolore io lo senta pure in me.
T: Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

10° Stazione – Gesù è spogliato delle vesti

Lett. Biblica

Io sono un verme e non un uomo, rifiuto degli uomini, disprezzato dalla gente. 8 Si fanno beffe di me quelli che mi vedono, storcono le labbra, scuotono il capo: 9 «Si rivolga al Signore; lui lo liberi, lo porti in salvo, se davvero lo ama!». (Sl 22, 6-9)

Meditazione

Vogliamo pensare, in questa stazione, a tutti i modi in cui l’uomo è spogliato della dignità. In modo particolare vogliamo pensare anche noi a quanti, nella nostra comunità pastorale, hanno perso il lavoro, o vivono nella schiavitù di diverse forme di dipendenza, o sono lontani da un mondo di affetti significativo e concreto. Pensiamo ancora a quanti hanno perso ogni speranza a causa dei colpi della vita e a quanti vivono forme di povertà umana che lasciano pensare tanto sono preoccupanti. Intercediamo anche per tutti coloro che, per motivi economici, hanno perso la casa o i beni più necessari alla vita. Tutti vogliamo mettere dinnanzi alla Croce di Cristo.

Intercessioni

Lett. Preghiamo insieme e diciamo: dona consolazione e pace, Signore.

  1. Per tutte le persone che sono prive dei beni necessari alla vita onesta e dignitosa, ti preghiamo.
  2. Per tutti coloro che, senza scrupolo, tolgono risorse ai poveri, noi ti preghiamo.
  3. Per i cuori di chi rimane chiuso e incapace di una vera condivisione, noi ti preghiamo.

S: Abbi pietà di noi, Signore!
T: Abbi pietà di noi!

S: Fa’ che il tuo materno affetto per il Figlio benedetto mi commuova e infiammi il cuor.
T: Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

11° Stazione – Gesù inchiodato alla croce

Lett. Biblica

Condussero Gesù al luogo del Gòlgota, che significa «Luogo del cranio», 23e gli davano vino mescolato con mirra, ma egli non ne prese. 24Poi lo crocifissero e si divisero le sue vesti, tirando a sorte su di esse ciò che ognuno avrebbe preso. 25Erano le nove del mattino quando lo crocifissero. (Mc 15, 22-25)

Meditazione

Quanti malati ci sono nelle nostre case, quante persone che hanno perso gran parte della loro forza, della loro autonomia, della loro prestanza. Quante persone inchiodate ad una sedia a rotelle, rovinate da un incidente, sfigurate da una malattia che ha saputo colpire in forma molto dura. Quante persone inchiodate alle molte croci che sono presenti anche nella nostra comunità. Sia per loro il nostro grido di intercessione. Sia per loro la speranza che Cristo porta ad ogni uomo e donna crocifissi con lui nelle molte difficoltà della vita.

Intercessioni

Lett. Preghiamo insieme e diciamo: ascoltaci, Signore!

  1. Per tutti i malati e per tutte le persone che sono nell’ombra della morte: dona loro il tuo conforto, ti preghiamo.
  2. Per tutte le persone disabili e per tutti i sofferenti psichici, ti preghiamo.
  3. Per tutti coloro che sono senza amore e che vivono nella solitudine più profonda, ti preghiamo.

S: Abbi pietà di noi, Signore!
T: Abbi pietà di noi!

S: Le ferite che il peccato sul suo corpo ha provocato, siano impresse, o Madre, in me.
T: Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

12° Stazione – Gesù muore in croce

Lett. Biblica

Era già verso mezzogiorno e si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio, 45perché il sole si era eclissato. Il velo del tempio si squarciò a metà. 46Gesù, gridando a gran voce, disse: «Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Detto questo, spirò. (Lc 23, 44-46)

Meditazione

Silenzio. Ora dovremmo solo fare silenzio. Stare sotto la croce non richiede altro. Non dobbiamo dirti nulla, Signore. Dobbiamo solo guardare il tuo corpo che pende dal legno, la tua forza che è venuta meno, il tuo viso sfigurato, il sangue che ormai è stato effuso, per dire: pietà di noi Signore. Eppure, Signore, facciamo fatica a rimanere in silenzio e in contemplazione. La distrazione si insinua dentro di noi, altri pensieri subito si affacciano alla nostra mente. Accoglici così come siamo, Signore, Tu che ancora oggi muori per noi.

Lasciamo un istante di silenzio nel quale ciascuno di noi potrà presentare al Padre la sua preghiera silenziosa.

S: Abbi pietà di noi, Signore!
T: Abbi pietà di noi!

S: Del Figliuolo tuo trafitto per scontare ogni delitto, condivido ogni dolor.
T: Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

13° Stazione – Gesù deposto dalla croce

Lett. Biblica

Uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua. (Gv 19, 34)

Meditazione

Accade così. Accade che dopo ogni morte, dopo il tempo in cui si piange sul corpo di un defunto, ci si avvia alla sepoltura, alla tomba. È accaduto anche a te, Signore. Ti hanno deposto dalla croce molto in fretta e, con altrettanta fretta, per non turbare la festa degli altri, ti hanno chiuso in un sepolcro. Accade così anche oggi. Ti portiamo in giro, per questa nostra città, in questa nostra comunità pastorale, ma, poi, già domani o forse stasera stessa, ci saremo dimenticati del tuo dolore, della tua sofferenza, e celebreremo una Pasqua fatta di festa, di riti ma anche di cose umane. L’uomo è così, Signore, fa passare tutto e dimentica. Fa’, o Signore, che non ti dimentichiamo e che, nella nostra Chiesa, il segno della Santa Croce sia sempre onorato perché simbolo di salvezza. La salvezza che viene da Te, Crocifisso.

Intercessioni

Lett. Preghiamo insieme e diciamo: guarda a noi, Signore.

  1. Nelle nostre solitudini…
  2. Nei nostri dolori…
  3. Nelle nostre mancanze di amore…

S: Abbi pietà di noi, Signore!
T: Abbi pietà di noi!

S: Di dolori quale abisso! Presso, o Madre, al Crocifisso, voglio piangere con te.
T: Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

14° Stazione – Gesù deposto nel sepolcro

Come da rituale