Loading...
Home2021-09-05T15:45:05+02:00

Come Seguirci

Ogni Giorno:

PROSSIMO EVENTO IN DIRETTA

Ti sei perso la celebrazione in diretta del giorno? Vuoi rivedere una S. Messa di un giorno passato? Visita la pagina dedicata: premi sul pulsante qui sotto.

SANTE MESSE IN STREAMING

Una Parola da don Andrea

SCARICA il notiziario

IV Domenica di Avvento: l’ingresso del Messia

L’immagine del mese

Il punto nodale del dipinto è rappresentato da quella mano “ferma e appassionata” che pure, con tanta tenerezza, sfiora il ventre della donna incinta. E’ la mano di un uomo, del padre che incurva il suo corpo poderoso fino a formare una nicchia in cui accogliere e proteggere la madre di quel figlio che palpita nel grembo materno. I due profili si richiamano negli occhi socchiusi, nella linea del naso e nel sorriso che illumina i loro volti di una profonda gioia interiore. Della donna vediamo solo il volto e il morbido profilo del corpo sul quale scivola la tunica bianca. Lo stesso colore, usato anche per l’abito dell’uomo, accarezza e fonde le due figure, le fa un tutt’uno di corpi, di intenti, di progetti, di speranza nel futuro cui rimanda anche il punto di fuga prospettico situato dietro le teste dei protagonisti.

Alle spalle della coppia si estende un paesaggio dai toni caldi e luminosi che nella sua essenzialità suggerisce silenzio e raccoglimento. Non a caso l’opera si intitola “Ascolto”: ascolto di una nuova creatura che, protetta dall’amore di chi l’ha concepita, si affaccia alla vita.

Le sorprese di Dio non finiscono mai

In questo anno tutto dedicato alla famiglia, l’immagine scelta per dicembre ci immette direttamente nel senso finale di questo Avvento e del prossimo Natale. L’immagine della vita che sboccia, l’immagine di una donna incinta, l’immagine di un uomo che protegge la donna che ama e il figlio che sta per nascere, ci riportano a temi biblici molto presenti nelle scritture delle prossime settimane. La vita, ci dice l’immagine ma anche la liturgia del Natale, è sempre una benedizione. La vita di tutti è benedizione, la vita di ogni uomo è benedizione per la terra.

Benedire per essere benedetti

Le soprese di Dio sono sempre legate alla sua benedizione. Noi spesso chiediamo la benedizione di Dio. La chiediamo in Chiesa, l’attendiamo nelle case—e in questo anno ancora di pandemia sono in molti ad avvertire la mancanza di questo gesto— ma raramente diamo la nostra benedizione. La liturgia ci sta dicendo in molti modi che noi abbiamo diritto  a chiedere la benedizione di Dio e a vederne gli effetti nella nostra vita se, in qualche modo, anche noi diventiamo benedizione per gli altri se, in qualche modo, noi diamo la nostra benedizione agli altri, alle cose, alle realtà. In che senso possiamo essere benedizione? Con la nostra presenza, con una parola buona, con un modo di fare autenticamente cristiano. In che senso possiamo dare benedizione? Con il nostro “parlare bene” è il significato letterale di benedire), portando riconciliazione, pace, serenità.

Per le coppie e la famiglia

Gli  sposi, poi, hanno sempre la possibilità di benedire la loro famiglia, i figli, i nipoti, la casa in cui abitano. È in questo senso che stiamo distribuendo anche l’acqua santa da recare nelle proprie abitazioni. Non già segno magico, scaramantico, ma, appunto, perché sia usata per benedire i luoghi nei quali viviamo la nostra esistenza e le persone con le quali la condividiamo. Impariamo ad essere benedizione per gli altri! Scopriremo che Dio ci accompagna sempre nel cammino delle nostre vite e in quello che accade in noi e attorno a noi. Buon cammino di Avvento!

Il Vostro Parroco,

Effettua una donazione

Eventi

consiglio pastorale

Dicembre 9 @ 21:00 - 22:30

battesimo gennaio

Dicembre 10 @ 20:45 - 21:30

commissione liturgica

Dicembre 16 @ 21:00 - 22:30

Tutti insieme preghiamo per gli ammalati, per le persone che soffrono.
Sotto la Tua protezione cerchiamo rifugio, Santa Madre di Dio.
Non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, e liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta.
Ringrazio tutti i cristiani, tutti gli uomini e le donne di buona volontà che pregano per questo momento, tutti uniti, qualsiasi sia la tradizione religiosa alla quale appartengono.

Papa Francesco

Notizie

News in evidenza

AUGURI A DON CLAUDIO, NUOVO PREVOSTO DI SARONNO

Non è mancato un affettuoso saluto ai rappresentanti della città di Cassano Magnago, «la mia prima sposa»: così monsignor Claudio Galimberti, iniziando il suo servizio come prevosto di Saronno, si è rivolto ieri pomeriggio ai cassanesi presenti, con il sindaco Nicola Poliseno, alla messa solenne che ha segnato il suo ingresso ufficiale nella città dell’Amaretto, di cui guiderà le sei parrocchie.
A don Claudio, già parroco di San Giulio dal 1995 al 2008 e primo responsabile della comunità pastorale San Maurizio, un augurio di cuore per il suo nuovo ministero da parte di tutti i sacerdoti e i fedeli di Cassano Magnago, che a lui continuerà a rimanere legata, anche attraverso il parroco don Andrea Ferrarotti, originario proprio di Saronno.
Da notare, al riguardo, una singolare coincidenza: ieri, 2 ottobre, ricorreva l’anniversario della consacrazione della chiesa cassanese di San Giulio.
Ad multos annos, monsignore!

In Questa Notte Splendente

Scopri tutte le News

L’amore è un frutto che matura in ogni stagione ed è sempre alla portata di ogni mano. È il dono più grande che chiunque possa fare.

Madre Teresa di Calcutta

CONTATTACI